Neal Ardley cerca il finale hollywoodiano per la notevole ascesa di Unibet

Posted on Posted inUnibet

Il manager, Neal Ardley, il suo status di ex giocatore di Wimbledon significativo per i sostenitori che hanno combattuto così duramente per l’identità del loro club, descrive le celebrazioni di Accrington come “emozionanti, un po ‘surreali”. Martedì, parlando alla base di allenamento del club londinese, Ardley non ha nemmeno tentato di essere pratico di guidare la sua squadra a Wembley.

“Non credo che sia solo l’idea che sia solo un altro gioco, che non giochi l’occasione, giochi “, ha detto. “Nessuno può replicare Wembley. Quando usciremo, sarò orgoglioso, le mie emozioni saranno dappertutto nel negozio. Sentirò le farfalle e i giocatori si Unibet bonus sentiranno allo stesso modo. Ma una volta usciti, rimettiamo le spalle indietro, sorridiamo, spariamo “wow”, abbiamo un lavoro da fare.Dobbiamo prendere tutto questo, abbracciarlo, accettarlo e poi andare a giocare. “AFC Wimbledon: il loro manager, i fan e lo staff in aumento attraverso le leghe Leggi di più

Argyle , Ardley accetta, sono marginalmente favoriti, avendo concluso quinto posto in campionato due, con sei punti di vantaggio su Wimbledon al settimo posto, anche se la squadra di Ardley li ha battuti per 2-1 in aprile durante un’eccellente corsa nei play-off.Taylor, solo 26 ma al suo nono club, ha segnato 21 gol in campionato, la sua collaborazione con Tom Elliott mantenendo il loro talismano sorprendente, Adebayo Akinfenwa, come sostituto.

Akinfenwa, i cui abbondanti talenti possono essere Unibet live trascurati nel concentrarsi sulle sue enormi dimensioni e sulla sua forza, ha detto che c’è una squadra al club che ha alleviato il suo disappunto ed è uscito dalla panchina di Accrington per segnare il primo gol nel pareggio per 2-2.

” La lode deve andare dal tecnico “, ha detto Akinfenwa. “Ha radunato una squadra, un mix di giovani giocatori e giocatori più esperti come me e [il capitano] Barry Fuller, e c’è un ethos di solidarietà. Non ho giocato tanto quanto volevo, ma non mi sono mai sentito inosservato.Uscire a Wembley, per questo club che i fan hanno iniziato dal nulla – è la roba dei sogni. ”

In un club a cui la storia significa tanto, seguendo il loro furto percepito quando un gruppo ha nominato dalla Football Association votata nel 2002 per permettere a un Wimbledon senza fondamento di trasferirsi a Milton Keynes, il significato della finale è monumentale. Ardley ha detto che “assolutamente” è d’accordo con i sostenitori che ritengono che il loro club, non MK Dons, sia la continuazione del vecchio Wimbledon e questo è il loro primo viaggio competitivo a Wembley dopo la famosa “folle” vittoria della FA Cup su Liverpool nel 1988.

Se vincono, sarà la sesta promozione di Wimbledon da quando hanno iniziato a formare un club di nuova costituzione, di proprietà dei tifosi nella Lega delle Unibet contee miste, a seguito di un processo contro giocatori di Wimbledon Common.E la promozione li metterebbe, dopo così poco tempo, nella stessa divisione del club di Milton Keynes che ancora insultano come “il franchise”.

Revulsion è sentito profondamente per MK Dons e per il pannello di FA che, con una maggioranza di 2-1, ha permesso il trasferimento senza precedenti. Ardley non ha bisogno di incoraggiamento per citare e beffarsi del parere del gruppo, che se i sostenitori dovessero rifiutare la mossa di Milton Keynes e formare il proprio club, non sarebbe “nell’interesse del calcio”.

Ivor Heller, direttore commerciale dagli inizi del 2002, ha dichiarato: “Tutti ne parlano ancora; è stato un grande catalizzatore per tutto ciò che abbiamo fatto.Come qualcuno potrebbe suggerire un club come il nostro non è nell’interesse del calcio: dovresti essere dei veri e propri sfigati. ”

Il mix di idealismo e know-how richiesto per negoziare il play-off finale ha caratterizzò la via di Wimbledon da quando ricominciarono. Il loro ambizioso progetto di costruire un nuovo stadio da 11.000 posti, capace di espandersi a 20.000, nel loro quartiere di Merton ha colpito un ostacolo a marzo, quando Boris Johnson, che era ancora il sindaco di Londra, “ha convocato” il progetto. </P >

I funzionari di pianificazione di Johnson avevano raccomandato che lo stadio venisse approvato, come fu approvato all’unanimità dal consiglio di Merton, ma il suo riferimento al “futuro dei luoghi culturali e sportivi” sembrava esprimere preoccupazione per la perdita dello stadio di levriero di Wimbledon se il lo sviluppo procede.Il nuovo sindaco, Sadiq Khan, deve essere persuaso.

Erik Samuelson, amministratore delegato del club, ha spiegato che il costo della “metà degli anni ’20 milioni di sterline” sarà raggiunto in parte da uno sviluppatore, Galliard Homes, che sta proponendo di costruire 602 unità abitative, alcuni prestiti e la vendita dell’attuale stadio Kingsmeadow del club al Chelsea. Samuelson difese la posizione relativa a Kingstonian, il club della Premier League della Ryman League che in precedenza possedeva Kingsmeadow. Nel 2002 Kingstonian era caduto nell’amministrazione e il terreno fu acquistato da una famiglia di investitori, i Khosla, da cui fu acquistato il nuovo proprietario di Wimbledon.Kingstonian è rimasto come affittuari in buone condizioni e Samuelson ha detto che Wimbledon pagherà una somma considerevole, fino ad ora non divulgata, dai soldi del Chelsea per consentire a Kingstonian di stabilirsi altrove.

“Questa è un’occasione imperdibile per loro per ottenere almeno una quota azionaria del proprio stadio o molti anni di affitto, quindi questo è davvero positivo “, ha detto Samuelson.

Se Wimbledon realizzasse un altro sogno a Wembley, Samuelson ha detto che crede di poter essere sostenibile nella Lega Uno, anche prima che il nuovo stadio venga costruito. L’obiettivo di Ardley è di mantenere Wimbledon quattro posti sopra dove si troverebbero in una tabella degli stipendi che ogni club paga.

“Un manager deve aggiungere valore”, ha detto Samuelson. “Neal è un ragazzo così impressionante.Andrà molto lontano, ma speriamo disperatamente che faccia un lungo cammino con noi. ”

Se i successi di Ardley gli fanno guadagnare un’offerta da un altro club troppo buono per rifiutare, ha detto Samuelson, il suo contratto ha una clausola di buy-out che significa che Wimbledon sarebbe ben ricompensato. Il film di AFC Wimbledon sembra una palla curva – in realtà è un obiettivo aperto Per saperne di più

Chiesto dell’ascesa di Wimbledon, sotto la proprietà dei sostenitori, in 14 anni da quella decisione del pannello AF, Ardley ha dichiarato: “Questa è la storia più unica nel calcio, l’AFC Wimbledon. La storia è il calcio, è per il bene superiore del calcio.Ogni volta che parlo di questa storia, vado wow; Non c’è da stupirsi che vogliano fare un film su questo. ”

Infatti, il mese scorso il club ha annunciato che la 20th Century Fox, con l’autore e il patron di Wimbledon John Green, ha acquistato i diritti per trasformare la loro storia in un film. È stato proposto che si concluda con la vittoria 2011 del club ai rigori che li ha portati in delirio alla Football League. Se vincono a Wembley, la sceneggiatura di Hollywood potrebbe dover essere estesa.